Chiesa

Mons. Mazzocato nella sua omelia ha evidenziato come l’esistenza dell’uomo sia un “pellegrinaggio” alla ricerca di nuove mete e di condizioni di vita migliori, come ci ricordano i profughi e i richiedenti asilo; ma anche un “pellegrinaggio dell’anima”  mosso da domande e inquietudini, alla ricerca di una verità che dia senso alla vita e alla morte, e che conduce, come i Magi, alla luce di Gesù.

Francesco all'Angelus propone di assumere «la nonviolenza come stile per una politica di pace»

"Il Signore sostenga chi combatte il terrorismo"

Papa Francesco esprime sgomento per l'attentato terroristico in Turchia. «Chiedo al Signore di sostenere tutti gli uomini di buona volontà che si rimboccano coraggiosamente le maniche per affrontare la piaga del terrorismo e questa macchia di sangue che avvolge il mondo con un’ombra di paura e di smarrimento»

Mons. Andrea Bruno Mazzocato, alla presenza di autorità civili e militari, ha fatto proprio l’invito di Papa Francesco «a rinnovare l’impegno a mettere la nostra piccola pietra per costruire un mondo in cui la violenza sia vinta “contrapponendo un di più di amore, un di più di bontà”, secondo le parole di Benedetto XVI»

Nella Messa del "Te Deum" l'invito a scorpire cosa ha fatto Dio per noi in 12 mesi

"Non buttiamo via il 2016. Dio ci è passato accanto"

"Oggi la vita  corre molto in fretta, preoccupati più del domani che di quello che si è vissuto, come fosse già perso. E invece esiste nella memoria di Dio, perché nell’ultimo giorno della vita ce ne chiederà conto”, ha sottolineato l'Arcivescovo.

Il "Discorso della montagna” è anche "un programma e una sfida per i leader”, è l’invito di Francesco: “Applicare le Beatitudini nel modo in cui esercitano le proprie responsabilità”. E' “una sfida a costruire la società, la comunità o l’impresa di cui sono responsabili con lo stile degli operatori di pace

Si rinnova in Carnia l'atteso appuntamento «alternativo» con il nuovo anno

S. Silvestro a Zuglio per diventare artigiani di pace

Partenza alle 21 dalla piazza del Museo di Zuglio e alle 23.30 l'arrivo alla Pieve e la S. Messa presieduta dall'Arcivescovo di Udine. Verrà letta la lettera di Papa Francesco per la Giornata della Pace, tradotta in lingua friulana da Celestino Vezzi e dedicata alla nonviolenza

Dopo il canto del «Te Deum» attenzione puntata sul Messaggio scritto da Papa Francesco

L'Arcivescovo apre il 2017 nel segno della pace

Dopo il canto del «Te Deum» in Cattedrale alle 19, l'Arcivescovo concluderà la giornata di San Silvestro con la marcia della pace a Zuglio. A Capodanno Messa a Castelmonte alle 11.30 e poi celebrazione della Giornata della pace in Cattedrale alle 19.00

L'arcivescovo Mazzocato ha celebrato la Santa Messa di Natale nel carcere di Tolmezzo. Nell'omelia ha ricordato i recenti fatti di Berino, dimostrazione del fatto che "molti uomini vivono nelle tenebre" e hanno "l'inferno nel proprio cuore". Di qui l'augurio: "Possiamo essere tutti messaggeri di Pace e luce in questi tempi così difficili".

Forte appello dell’Arcivescovo nell’omelia della Messa di Natale

"Il Friuli ritrovi la Luce del Vangelo che ha forgiato la nostra grande civiltà"

«È la prima resistenza da opporre al serpeggiare maligno del male che passa per i nostri paesi. Ripercorriamo la via dei pastori. Uscirono dalla notte seguendo una nuova luce che scendeva dal cielo e trovarono Gesù e il suo Vangelo. Ritrovarono il senso e la gioia di vivere e rendere lode a Dio»

Il sacerdote è tornato alla Casa del Padre ieri sera, all'età di 86 anni

È morto mons. Battiston, per 9 anni foraneo di Rosazzo

Il cuore del suo apostolato si svolse nel Triangolo della Sedia dove, oltre a essere per 9 anni parroco di Manzano, resse diverse parrocchie limitrofe. Gli ultimi impegni pastorali nel Latisanese, prima come parroco e poi come cappellano dell'Ospedale. Funerali domani alle ore 15 a Sedegliano

L'invito dell'Arcivescovo ai sindaci e agli amministratori regionali e provinciali

Mai distruggere il senso di comunità, anche le più piccole

Una riflessione sulle riforme che prefigurano la scomparsa dei comuni più piccoli e comunque il passaggio di poteri ad aggregazioni più grandi, le Uti, concepite però in una visione meramente efficentista ed economicista, prescindendo dai legami identitari e di appartenenza delle persone

Domenica 11 dicembre, alle ore 15, nel Centro Paolino d’Aquileia a Udine, il tradizionale appuntamento di Avvento con la formazione per i Ministri straordinari della Comunione. Tema dell'incontro: «Eucaristia per una Chiesa in uscita»

Forte richiamo dell'Arcivescovo ai friulani: «Se si nega Dio, i rapporti sociali decadono»

«Senza Dio, crescono i muri contro gli uomini»

Inaugurata una moderna e accogliente sala polifunzionale da 160 posti che sarà aperta alle attività dei giovani, del quartiere e della città intera. Mons. Mazzocato: «Questa resti sempre la Casa dell'Immacolata: solo facendo la volontà di Dio le porte rimangono aperte agli esclusi, a coloro che danno fastidio a chi sta bene»

Si sono conclusi i partecipatissimi incontri che hanno visto l'arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, presentare al clero e ai Consigli pastorali foraniali il nuovo progetto delle Collaborazioni pastorali. Qui IL DOCUMENTO integrale su cui lavoreranno nei prossimi mesi la diocesi e le foanie.

Sentimenti di dolore per la scomparsa di Fidel Castro, avvenuta stanotte a Cuba. Li esprime Papa Francesco in un telegramma di cordoglio al fratello, il Presidente Raul Castro, ai familiari tutti e al popolo di quella che definisce “amata nazione”.

Papa Francesco al Concistoro

Cardinali "non nemici, ma fratelli"

Papa Francesco ha celebrato il suo terzo Concistoro, alla vigilia della chiusura dell'Anno Santo straordinario della misericordia. 17 i nuovi cardinali, che fanno salire a 55 le porpore create in quasi quattro anni di pontificato. Fratelli, non nemici, l'invito ai nuovi membri del Collegio cardinalizio, esortati a scendere nella "pianura" dei loro popoli e ad aprire i loro occhi per curarne le ferite. No al "virus della polarizzazione e dell'inimicizia", presente anche nella Chiesa

Chiesa Udinese in lutto per la morte di don Carlo Polonia. Aveva 87 anni. Era stato parroco di Cavalicco, Carlino e Vergnacco. 

Alle 16.44 l’arcivescovo di Udine ha chiuso la Porta Santa del Giubileo straordinario della Misericordia alle spalle di circa 2 mila fedeli. "Se in tanti avremo nel cuore la misericordia di Gesù, anche le Collaborazioni pastorali, che sto proponendo, potranno avviarsi e diventare porte del Signore spalancate sul territorio friulano che invitano tutti ad entrare per trovare l’unica misericordia che guarisce i cuori e dona la speranza”

Si chiudono le porte della misericordia nelle cattedrali e nei santuari di tutto il mondo

"Più progresso e più esclusi, la grande ingiustizia di oggi"

Nella messa per il Giubileo dei senza fissa dimora: "Bisogna preoccuparsi quando la coscienza si anestetizza e non fa più caso al fratello che ci soffre accanto o ai problemi seri del mondo, che diventano solo ritornelli già sentiti nelle scalette dei telegiornali. Chiediamo la grazia di non chiudere gli occhi davanti a Dio che ci guarda e dinanzi al prossimo che ci interpella"

L'ingresso per tutte le comunità nella chiesa di Rizzolo sabato 12 novembre alle ore 17.00

Da Washington al Rojale. Nuovo parroco in 8 comunità

Don Agostino sarà coadiuvato dai missionari Saveriani che da qualche settimana risiedono nel Rojale: «Ciò che più desidero è di riuscire a sostenerci reciprocamente  nel cammino di fede, per poter sperimentare tutta la bellezza, la novità  e la speranza che la presenza di Gesù risorto, il volto della misericordia  del Padre, introduce nella vita intera».

Domenica 13 novembre alle ore 16 in Cattedrale la solenne conclusione

L'Arcivescovo chiude la Porta Santa e un anno straordinario

Dal dicembre 2015 un numero straordinario di fedeli ha varcato la Porta della Misericordia della Cattedrale di Udine, ma anche degli altri Santuari giubilari della Diocesi (Santuario della Beata Vergine delle Grazie a Udine, Castelmonte, Madonna Missionaria a Tricesimo, Monte Lussari, Sant’Antonio a Gemona)

Domenica 6 novembre, l'arcivescovo emerito di Udine, mons. Pietro Brollo, in comunione con Papa Francesco e la Chiesa universale, aprirà la "Porta della misericordia" nella casa circondariale di Udine, in occasione del Giubileo dei carcerati.

Tutte le comunità parrocchiali vivranno, con grande partecipazione di popolo, la solennità di Tutti i Santi, martedì 1° novembre, e la Commemorazione dei fedeli defunti, mercoledì 2. Due giorni di particolare significato che pongono, non solo al credente, le domande ultime sul senso della vita e sul mistero della morte, spesso rimosse nella nostra società