Chiesa
stampa

"L'esempio dei Patroni rigeneri la Chiesa Udinese"

Guidare "le nostre parrocchie a crescere nella comunione tra loro, nell’accoglienza reciproca": sono gli obiettivi del progetto pastorale annunciato dall'Arcivescovo

"L'esempio dei Patroni rigeneri la Chiesa Udinese"

"La società friulana, il continente europeo e, anche, la nostra Chiesa diocesana mostrano cedimenti e debolezze innegabili che suscitano commenti pessimistici e una serpeggiante rassegnazione, propria di chi non ha più speranza. Non è questa la reazione che Ermacora e Fortunato voglio vedere nei nostri animi e nelle nostre comunità. Non è tempo di sederci rassegnati,  lasciando che le cose facciano il loro corso. Se umanamente ci troviamo più poveri e più deboli, in questa spogliazione c’è la chiamata di Gesù a ritrovare l’essenziale. E l’essenziale è ciò per cui Ermacora e Fortunato hanno dato la vita; è la fatica del Vangelo. La Chiesa non ha altro da portare agli uomini se non questa fatica che, prima di tutto è gioia; la gioia che Gesù diffonde nei cuori di chi crede in lui". Questo il messaggio lanciato dall'Arcivescovo di Udine, mons. Andrea Bruno Mazzocato, lunedì 11 luglio nei Vespri della solennità di S. Ermacora e Fortunato, patroni dell'Arcidiocesi, della Regione Friuli-Venezia Giulia e della città di Udine.

La Porta Santa del Giubileo non si chiuderà, in Friuli, nella prossima festa di Cristo Re, ma resterà idealmente aperta per guidare le parrocchie nelle importanti trasformazioni a cui sono chiamate. "Anche se fisicamente la chiuderemo, nella nostra diocesi manterremo spalancata la Porta della Misericordia - ha sottolineato mons. Mazzocato -. Vogliamo, cioè, continuare a camminare sulla strada della misericordia di Gesù  in un modo particolare: guidando le nostre parrocchie e tutte le comunità a crescere nella comunione tra loro, nell’accoglienza reciproca, nella condivisione dei doni e dei carismi che ognuna ha. So che di questo progetto pastorale già se ne sta parlando in diocesi, anche con una comprensibile curiosità. Si sta parlando delle Collaborazioni Pastorali che saranno esperienze di comunione e collaborazione stabile tra parrocchie vicine e delle nuove foranie. E’ cosa molto buona che ne parliamo assieme nelle diverse foranie perché si tratta di un progetto molto importante sul quale come vescovo chiedo il contributo di tutti. Dedicheremo il prossimo anno pastorale ad esaminare questo progetto nel clima dell’Anno della Misericordia. Io stesso in autunno incontrerò, a zone, i sacerdoti e i consigli pastorali foraniali per condividere il significato e le linee del progetto delle Collaborazioni Pastorali e raccogliere suggerimenti. Di tutto questo, però parlerò in modo più dettagliato in una mia lettera che preparerò per settembre".

L'Arcivescovo ha voluto però richiamare i principi fondamentali del cambiamento in atto: "In questo momento, desidero, come vescovo e pastore di questa Chiesa, fare un forte invito. Mentre ci confrontiamo su questo progetto pastorale, non perdiamo mai di vista l’obiettivo a cui miriamo. L’obiettivo ce lo ha dato Gesù pregando il Padre prima della sua passione: “Siano una cosa sola perché il mondo creda” (Gv 17,21). A questo vogliamo mirare con tu la fede e l’amore di cui saremo capaci:

- “Essere una cosa sola” in Cristo. Che le nostre parrocchie scoprano la gioia e la ricchezza di crescere nella comunione reciproca, dove ognuna è valorizzata, dove la più piccola ha un’attenzione particolare, dove si respira la misericordia di Gesù nei rapporti reciproci.

- “Perché il mondo creda”. La comunione reciproca tra parrocchie e comunità non sia, però, il fine ultimo a cui miriamo. Non vogliamo essere una Chiesa che pensa solo a conservare ma che condivide la passione di Gesù: ”perché il mondo creda che tu mi hai mandato”.  Siamo convinti che più cresceremo nella comunione di fede e carità tra le comunità e più sarà efficace la nostra testimonianza del Vangelo offerta non solo a parole ma con i fatti e con reciproche opere di misericordia. La nostra Chiesa potrà essere, secondo l’invito di Papa Francesco, “un’oasi di misericordia” nella quale tante persone possono incontrare per la prima volta o incontrare nuovamente Gesù, il Volto della misericordia del Padre.

Cari fratelli e sorelle, teniamo sempre presente questo obiettivo ed eviteremo la tentazione di confondere il nostro progetto pastorale con altri progetti civili e amministrativi avviati in questo tempo nel territorio friulano. Essi hanno la loro plausibilità ma scopi completamente diversi.  Come Ermacora e Fortunato, noi abbiamo nel cuore la passione per Gesù e il suo Vangelo e vogliamo affrontare, nel modo migliore, la gioia e la fatica di testimoniarlo anche oggi perché sia il Seme divino che rigenera noi e tanti nostri fratelli". 

Tutto questo stimolato dalla testimonianza dei Santi Patroni che "resta, per noi, molto attuale e significativa - ha evidenziato il presule -. Nella città di Aquileia che - come tutto l’impero romano - mostrava i segni di un’inarrestabile decadenza, Ermacora e Fortunato, assieme ad altri fratelli di fede, hanno seminato la Parola nuova del Vangelo di Gesù. Hanno annunciato e hanno testimoniato fino al sangue la persona e la vita di Cristo e, in questo modo, sono stati  collaboratori dello Spirito Santo che fecondava con il Seme del Vangelo la cadente Aquileia pagana. Grazie a questo innesto è risorta una nuova Aquileia, la città cristiana che ha irradiato fede e civiltà nel cuore del continente europeo. Da un punto di vista umano e sociologico è stato un vero miracolo perché, mentre umanamente e politicamente era sempre più debole, Aquileia è rinata; e non grazie ad un grande progetto politico ed economico, ma dall’acqua del battesimo e dallo Spirito Santo. E’ rinata perché è stata è stata attraversata dalla potenza della risurrezione di Cristo". 

Lo stesso percorso che ora si propone alle parrocchie e alle foranie della Chiesa Udinese.

Tutti i diritti riservati
"L'esempio dei Patroni rigeneri la Chiesa Udinese"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento