Cronaca
stampa

50.000 bottiglie d’acqua dal Friuli Venezia Giulia all’Ucraina

Il dono di Aisdo Onlus e di Goccia di Carnia

50.000 bottiglie d’acqua dal Friuli Venezia Giulia all’Ucraina

Cinquantamila bottiglie di acqua naturale Goccia di Carnia trasportate dallo stabilimento di Forni Avoltri fino a Verona e da lì attraverso la Polonia fino in Ucraina: è l’iniziativa promossa dalla Onlus Associazione Italiana per la Salute Degli Occhi (Aisdo Onlus) insieme all’azienda Goccia di Carnia.
“Le notizie dall’Ucraina riportano che decine di città sono rimaste senza acqua potabile mentre l’approvvigionamento idrico e l’accesso all’acqua diventano sempre più difficili per la popolazione - commentano Paolo Lanzetta, presidente della Onlus e docente all’Università di Udine, e Samuele Pontisso, amministratore delegato di Goccia di Carnia - Siamo rimasti profondamente colpiti da questa tragica situazione e ci siamo chiesti cosa potessimo fare per esprimere una concreta vicinanza alla popolazione così duramente colpita. Così ci siamo attivati per portare l’acqua, un bene primario per la sopravvivenza.”
“L’acqua è vita e dissetare gli assetati è dovere di ognuno di noi: - aggiunge Lanzetta - allo stesso tempo l’acqua è simbolo di pace. Ricordiamoci di quanto fosse uso comune nel passato accogliere qualcuno in casa nostra offrendo un bicchiere d’acqua”.
L’iniziativa vede il prezioso supporto di Confindustria, della Protezione Civile di Verona e dell’Ambasciata Ucraina in Italia.
“Siamo consci che questa iniziativa sia solo una goccia nell’oceano ma crediamo fermamente anche nel significato simbolico di questo gesto e speriamo che possa portare un messaggio di pace dove ora imperano violenza e sofferenza”, concludono Pontisso e Lanzetta.

50.000 bottiglie d’acqua dal Friuli Venezia Giulia all’Ucraina
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento