Cronaca
stampa

Giovani, a Udine uno spazio per curare le ferite del post Covid

Grazie all’8x1000, fa i ragazzi protagonisti e stimola gli “hikikomori” friulani a recuperare spazi di relazionalità

Giovani, a Udine uno spazio per curare le ferite del post Covid

Nel centro di Udine, in una laterale di via Poscolle, c’è una realtà che aiuta i ragazzi delle superiori a superare l’isolamento e i problemi creati dalla pandemia attraverso attività ideate e promosse da loro stessi. “Spazio giovani” nasce due anni e mezzo fa, grazie ai fondi dell'8x1000, pochi mesi prima dell’esplosione della pandemia di Covid 19, con la priorità di dare un supporto ai ragazzi a rischio emarginazione. ”Il progetto puntava a incontrare i ragazzi in strada, nei luoghi di spontanea aggregazione, e per dare loro un luogo fisico di incontro con educatori che potessero supportare i loro processi di autonomia – spiega Sandro Polo, referente di Spazio Giovani -. Il lavoro di strada è rimasto un po’ indietro, a causa del Covid, ma lo spazio di via Rivis 15 ha sempre lavorato a pieno ritmo tranne nei periodi di stretto lockdown”.

Nella struttura, per tre giorni a settimana (lunedì, mercoledì e giovedì), dalle 13 alle 19, si può liberamente accedere ad una stanza dove i ragazzi delle superiori possono giocare e ascoltare musica e una cucina dove finita scuola si può mangiare scaldandosi ciò che si è portato da casa per poi fermarsi a fare i compiti nell’aula studio dotata di computer, stampanti e connessione internet. Infine c’è una piccola sala di registrazione multimediale dove si possono registrare e montare video. Nella struttura vengono anche svolti dei corsi, organizzati dagli stessi ragazzi in maniera partecipativa. “Gli operatori Caritas sono sempre presenti – spiega Polo - e in modo molto libero e discreto entrano in relazione con i giovani e piano piano ascoltano le loro difficoltà, progetti, traguardi. Siamo sempre in stretto contatto con i soggetti istituzionali come i servizi sociali, la neuropsichiatria infantile e il volontariato per il supporto scolastico”.
Il lavoro delle équipe in strada ha permesso di tracciare una mappa della aggregazione giovanile informale a Udine. I luoghi preferiti sono la zona della stazione ferroviaria, il centro e in particolare i Giardini del Torso, un’oasi separata un po’ dalla città, ma posta al suo centro, e Piazza Primo Maggio. La, pandemia ha però fatto esplodere il tema degli “hikikomori”, termine coniato in Giappone per indicare quei ragazzi che si ritirano socialmente, non vanno più a scuola e nemmeno a lavorare, non frequentano più gli amici e di fatto non escono più di casa. “Ovviamente sono molto difficili da incontrare e indisponibili ad allacciare relazioni – spiega Sandro Polo -. Vale molto la mobilitazione delle loro stesse famiglie, la collaborazione in rete con i servizi sociali e la neuropsichiatria, l’associazionismo e le scuole che fanno emergere i ragazzi invisibili. In certi casi sono i ragazzi stessi a segnalare i compagni e gli amici in difficoltà a causa delle conseguenze della pandemia, che ha spinto alcuni all’isolamento e in 3-4 casi anche all’autolesionismo. Ma la maggior parte dei giovani sta reagendo e sta recuperando tutti gli spazi di relazionalità”.

Giovani, a Udine uno spazio per curare le ferite del post Covid
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento