Cronaca
stampa

Tragedia di Spilimbergo, serve prevenzione

La presidente della Regione, Serracchiani: "Il tragico fatto dimostra che bisogna tenere alta la guardia e cercare di prevenire tutte queste situazioni. Significa anche intervenire sugli aspetti culturali della prevenzione". 

Tragedia di Spilimbergo, serve prevenzione

Sulla tragedia di Spilimbergo - un altro caso di femminicidio in cui una giovane, la trentenne, Michela Baldo, è stata ucciso dall’ex fidanzato, Manuel Venier, 37 anni, che si è poi tolto la vita -, è intervenuta la presidente della Regione, Debora Serracchiani che ha rilasciato questa dichiarazione a ”la Vita Cattolica”.

“Il tragico fatto dimostra che bisogna tenere alta la guardia e cercare di prevenire tutte queste situazioni. Spesso – ha aggiunto – scopriamo che sono donne da anni abusate e maltrattate in situazioni familiari precarie e di grande disagio”.

Per la Presidente intervenire prima che accadano questi fatti è quanto mai doveroso.

“Questo significa anche intervenire su quelli che sono gli aspetti culturali della cosiddetta prevenzione perché spesso le donne non riescono da sole a capire l’importanza della denuncia”.

Da qui l’impegnativo compito delle istituzioni. “Devono accompagnare questo processo e al proposito penso al Punto rosa all’interno dei Pronto soccorso, alla possibilità di dare davvero un aiuto immediato alle donne che trovano il coraggio di uscire dal nucleo familiare e alle risorse da dare ai centri antiviolenza. Sono sicuramente un inizio di un percorso più lungo che ha portato alla legge anti stalking e altro, ma che ovviamente ogni volta che abbiamo un fatto così grave e tragico di fronte, ci fa tornare ai blocchi di partenza e ricominciare da capo”.

Tutti i diritti riservati
Tragedia di Spilimbergo, serve prevenzione
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento