Cultura e spettacoli
stampa

InVisible People, due giorni di spettacoli al Parco Sant'Osvaldo

Iniziativa ideata da Contaminazioni Digitali, Tsu e Festival estivo del Litorale.

InVisible People, due giorni di spettacoli al Parco Sant'Osvaldo

Raccontare il fenomeno delle migrazioni attraverso il linguaggio del teatro, della pittura e della musica. È questo l’obiettivo della nuova rassegna culturale “In/Visible People”, che avrà luogo giovedì 23 e venerdì 24 luglio a Udine, al Parco Sant’Osvaldo.
L’iniziativa è stata ideata da ben tre progetti culturali del FVG: Contaminazioni Digitali, TSU e Festival Estivo del Litorale, a riconferma del fatto che l’unione fa la forza, e rappresenta un valido strumento per far fronte a momenti di crisi come quello che stiamo attraversando.

“La nostra - afferma Caterina Di Fant di TSU - è una collaborazione per riportare il l’arte fra le persone e per abitare, con diversi linguaggi, il Parco di Sant'Osvaldo, luogo di incontro, di cultura, testimonianza e valorizzazione delle differenze. È inoltre una collaborazione nata per raccontare i temi delle migrazioni e dell’interculturalità, coinvolgendo i protagonisti in percorsi di auto-narrazione”

Quelli di In/Visible People saranno due giorni dedicati alle storie di donne e uomini in cammino, alla ricerca di lavoro, di pace, di una vita migliore. Il ricordo di terre natie, delle radici mai abbandonate. E, infine, il racconto di come la pandemia abbia impattato su coloro che già si trovavano lungo il sottile confine tra visibile e invisibile, tra accoglienza e respingimento, integrazione e quarantena.

IL PROGRAMMA
Giovedì 23 luglio alle 19 si partirà con “Visible People, esperienze di teatro e arte con persone in viaggio”, dove attori, registi e operatori si confronteranno sul ruolo che i linguaggi e le pratiche teatrali possono avere nelle dinamiche di integrazione e sostegno alle persone migranti e richiedenti asilo. L’appuntamento vedrà la partecipazione di Angelo Campolo, Andrea Ciommiento, Elisa Menon, Virginia Di Lazzaro, Marco Orioles, Wajid Abassi, Faraht Hussein e sarà coordinato da Rita Maffei, Co-direttore artistico del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG.

Alle 21.30, sarà la volta di uno spettacolo atteso, vincitore del premio In Box 2020 e ospitato grazie al Festival Estivo del Litorale: “Stay Hungry. Indagine di un affamato” di Angelo Campolo. L’attore porterà il pubblico nei suoi laboratori, in riva allo Stretto di Messina, dove l’incontro con un gruppo di giovani migranti ha segnato l’inizio di un’avventura speciale per leggere il presente e affrontare la vita.

Venerdì 24 luglio alle ore 18.00, è prevista la tavola rotonda dal titolo “Raccontare la distanza. Famiglie migranti tra invisibilità, distanziamento e accoglienza in FVG ai tempi del COVID-19”, dove ci si potrà confrontare con diversi esperti attivi nelle politiche di accoglienza regionale e non.

In/Visible People terminerà con “Sconfinamenti”, a partire dalle 21: un’esposizione pittorica sonorizzata disposta in mezzo al verde, tra gli alberi, realizzata dalla pittrice Martina Dalla Stella in collaborazione con i musicisti del Collettivo Clamp.

In caso di pioggia le tavole rotonde si svolgeranno lo stesso, lo spettacolo STAY HUNGRY si sposterà al Teatro San Giorgio, mentre l’esposizione pittorica sonorizzata dal vivo verrà annullata.

Per info: https://invisiblecities.eu/visiblepeopleevents/stay-hungry

InVisible People, due giorni di spettacoli al Parco Sant'Osvaldo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento