La Vita Cattolica - Settimanale del Friuli
stampa

Udinese. Continua la saga salvezza

Con l’Atalanta in trasferta – domenica 8 maggio, ore 15 – all’Udinese può bastare un pari per l’aritmetica salvezza

Udinese. Continua la saga salvezza

Mentre a Leicester si festeggia la vittoria della Premier, l’Udinese ha già riposto trombette e cappellini: le celebrazioni salvezza al via nella notte del successo sulla Fiorentina, infatti, hanno subito una brusca interruzione a causa delle concomitanti sciagure riversatesi sui bianconeri nei match di campionato giocati il passato weekend.
Non fosse bastata la «manita» del Torino a spegnere la musica e buttare via gli snack, per la fine ufficiale della prematura festa friulana si è atteso il verdetto del «Barbera» di Palermo, con i padroni di casa vittoriosi sulla Samp e ora lanciati alla rincorsa delle dirette concorrenti – fra cui la stessa Udinese – in questa lotta imprevedibile che conta ormai solo due gare.
Rosanero a 35 con il Carpi di Castori, Udinese ferma a tre lunghezze in più dopo la duplice battuta d’arresto infertale dall’Inter a Milano e dai granata in campo amico. Gli uomini di De Canio hanno ancora dalla loro il privilegio di poter essere artefici del proprio destino: quattro punti e la B non sarebbe che un ricordo. Tuttavia più volte nel corso della stagione i bianconeri hanno dimostrato di non saper gestire al meglio un tale privilegio, e i passivi maturati negli scontri decisivi hanno obbligato i tifosi friulani a seguire con crescente attenzione i risultati delle squadre che da sotto spingevano per risalire.
Ecco, dunque, che con l’Atalanta in trasferta – domenica 8 maggio, ore 15 – all’Udinese può bastare un pari per l’aritmetica salvezza, a patto che il Palermo venga sconfitto al «Franchi» da una Fiorentina che nelle ultime dieci ha centrato soltanto una vittoria. I siciliani, dopo la Viola, chiuderanno in casa contro il già retrocesso Hellas Verona. Di conseguenza, escludendo eventuali ma mai impossibili ribaltoni, è probabile che i ragazzi di Ballardini riescano a far proprio almeno uno fra i due incontri che li attendono da qui al 15 maggio.
Il Carpi – in vantaggio, a differenza dell’Udinese, negli scontri diretti col Palermo – sfiderà la Lazio al «Braglia» di Modena per poi vedersela, nell’ultima della stagione, proprio con la formazione del Deca in terra friulana. Dagli esiti della prossima giornata di A, quindi, dipenderà lo spirito con cui Udinese e Carpi giocheranno il match d’addio di Totò Di Natale ai colori bianconeri. Sarà battaglia per non retrocedere o serena scampagnata primaverile?
Intanto, però, fari puntati sull’Atalanta, reduce dalla sconfitta contro il Napoli e senza dubbio decisa a chiudere in positivo di fronte al pubblico dell’«Atleti Azzurri d’Italia». I bergamaschi, che non potranno contare sull’infortunato Pinilla, hanno trovato in Marco Borriello il sostituto perfetto del cileno – nonché del «Tanque» Denis, ceduto a gennaio – per questo finale di stagione. Out il capocannoniere della Dea Gomez per squalifica, spetterà all’ex Watford Diamanti il compito non far rimpiangere il numero 10 di Edy Reja.
Udinese che riaccoglie Zapata – ma si spera anche Widmer – e saluta Felipe. L’italo-brasiliano sconterà un turno per rientrare nella gara con il Carpi. Al suo posto uno fra Piris ed Heurtaux.

Udinese. Continua la saga salvezza
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento