Regione
stampa

Quattro nuovi Presìdi Slow Food in Friuli-Venezia Giulia

Tra i prodotti tutelati anche la saurnschotte di Sappada

Quattro nuovi Presìdi Slow Food in Friuli-Venezia Giulia

Una razza di pecore e una varietà di miele tipiche del Carso e due preparazioni che arrivano dall’area occidentale della regione. Il Friuli-Venezia Giulia fa incetta di Presìdi Slow Food. Sono quattro quelli nuovi a venire avviati nella regione più orientale dell’arco alpino: si tratta della pecora carsolina e del miele di marasca nell’area del Carso, il pestith, un pesto di rape macerate diffuso in Valcellina e Val Vajont, e la saurnschotte, un formaggio tipico di Sappada.
«Con questi nuovi riconoscimenti, il Friuli-Venezia Giulia conta 20 Presìdi Slow Food complessivi» commenta Filippo Bier, referente regionale del progetto della Chiocciola che tutela la biodiversità a rischio estinzione. «Ogni prodotto è importante perché, oltre a valorizzare una lavorazione specifica, contribuisce a far vivere un territorio, a combattere lo spopolamento e contrastare l’imboschimento».

Quattro nuovi Presìdi Slow Food in Friuli-Venezia Giulia
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento