Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
Cronaca

Mauro, il giornalista onesto. Che non ha mai dato nulla per scontato

«Onesto. Una bella persona, salda nei suoi principi, ai quali è sempre rimasto fedele». Così mons. Duilio Corgnali, già direttore de «la Vita Cattolica» ricorda Mauro Nalato, spentosi ieri sera nell’ospedale di Udine a 58 anni.

«Onesto. Una bella persona, salda nei suoi principi, ai quali è sempre rimasto fedele». Così mons. Duilio Corgnali, arciprete di Tarcento, e già direttore de «la Vita Cattolica» ricorda Mauro Nalato, spentosi ieri sera nell’ospedale di Udine a 58 anni. Nalato «era un amico – prosegue Corgnali –, anche se negli anni ci siamo persi di vista. Lo conobbi al settimanale diocesano, negli anni Ottanta. Lui iniziò qui la sua esperienza come giornalista e fu un valido collaboratore, coscienzioso. Ma, soprattutto, è rimasto tale anche negli anni successivi, una persona coerente, seria».

Il giornalista udinese si è spento a causa di una malattia che lo ha colpito quattro anni fa e contro la quale ha lottato fino all’ultimo, senza mai risparmiarsi, sul lavoro come nella vita privata. L’ultimo suo lavoro è recentissimo, la pubblicazione di due libri: «Vini macerati nati in Fvg, ora conquistano il mondo» e «Il caso Sauvignon in Friuli. Quando la giustizia fa paura» quest’ultimo, presentato a fine luglio al Senato a Roma.

Straordinaria la sua testimonianza riportata oggi dal Messaggero Veneto, una sorta di testamento spirituale e un insegnamento di vita per molti: «Ho avuto una vita intensa – dice Nalato –. Ho conosciuto persone potenti e persone semplici; umili. Mi sono confrontato con poveri e ricchi. Onesti e disonesti, da cui ho cercato di stare alla larga. Ma soprattutto ho cercato di rimanere sempre coerente con i miei principi e credo di esserci riuscito. Qualcosa è mancato, ma è stata un vita comunque bellissima. E adesso che sono qui, che aspetto di morire, non ho nulla da rimproverarmi».Dopo gli esordi con la Vita Cattolica, Nalato ha lavorato a Como e poi di nuovo in Friuli scrivendo per Anci, Confartigianato, Coldiretti e Camera di Commercio. Impegnato anche in politica, ha sostenuto l’amico Furio Honsell, candidato sindaco a Udine.

Formato al giornalismo d’inchiesta, come pretendeva il direttore de la Vita Cattolica Corgnali, Nalato non è mai stato accondiscendente: nei confronti di nessuno, qualunque collocazione avessero, neppure con i magistrati. Il suo primo Instant book, ancora nei primi anni ’80, quando a Conegliano si votò alla costituzione di una cooperativa tipografica per tossicodipendenti in recupero, è stato di una materia delicatissima: la vicenda di Vanni Mulinaris, il friulano docente della scuola di lingue “Hyperion di Parigi, arrestato il 2 febbraio 1982 nell’ambito delle indagini sull’attività delle Brigate rosse nel Veneto e poi scarcerato da Pietro Calogero. Per Mulinaris si spese anche l’Abbé Pierre, che venne pure a Udine a perorare la sua causa. Nalato scrisse un saggio scomodo, per discolpare Mulinaris.

Stimolato dal direttore Corgnali, Nalato non ha mai scritto un articolo scontato. E nella sua vita – come testimonia il «testamento» affidato agli amici – mai nulla ha dato per scontato.

Articoli correlati

Poste italiane cerca portalettere

Poste Italiane ricerca in Friuli-Venezia Giulia portalettere da inserire con contratto a tempo determinato. Per candidarsi è sufficiente inserire, entro domenica 26 maggio, il proprio curriculum vitae sulla pagina web del…