Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
Cronaca

Milionario, chiede reddito di cittadinanza. Inchiesta su evasione auto di lusso

L’indagine Cars lifting della Guardia di finanza di Pordenone e della Polizia stradale di Udine ha portato alla luce un’evasione discale milionaria e una truffa ai danni di 835 persone in 18 regioni.

La sua azienda aveva effettuato, solo negli ultimi sei mesi, vendite on-line di auto, tramite siti specializzati, per oltre 1,5 milioni di euro, ma lui stava per chiedere il reddito di cittadinanza. E’ quanto è emerso nell’ambito dell’indagine “Cars lifting” condotta dalla Guardia di Finanza di Pordenone e dalla Polizia stradale di Udine, che ha portato alla luce un’evasione fiscale milionaria e una truffa ai danni di 835 persone in 18 regioni, attraverso la vendita online di auto di lusso. L’inoltro della richiesta del sussidio, che aveva già predisposto, gli è stato impedito dal blitz della Gdf, che giovedì ha smantellato l’organizzazione che operava a livello nazionale. Le Fiamme Gialle hanno emesso cinque provvedimenti restrittivi della libertà personale, tra cui l’obbligo di dimora nei confronti dell’imprenditore, la cui sede operativa era a Gruaro (Venezia). L’uomo è una delle persone interrogate oggi dal Gip e dal Procuratore aggiunto di Udine, Claudia Danelon; è titolare dell’ultima azienda utilizzata dal sodalizio criminale per la vendita e immatricolazione fraudolenta di veicoli di lusso. Nel corso delle indagini è dunque emerso che, pochi giorni prima dell’emissione del provvedimento di obbligo di dimora nel comune di residenza, l’imprenditore stava pianificando di richiedere il reddito di cittadinanza, ipotizzando di averne i requisiti.

Articoli correlati

Poste italiane cerca portalettere

Poste Italiane ricerca in Friuli-Venezia Giulia portalettere da inserire con contratto a tempo determinato. Per candidarsi è sufficiente inserire, entro domenica 26 maggio, il proprio curriculum vitae sulla pagina web del…