Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
Cronaca

Udine, via libera a lavori per due caserme dismesse

Interventi per l’ex Duodo (). Accoglierà i ragazzi dell’Uccellis. Variante per l’ex caserma Osoppo. Diventerà sede delle associazioni.

Una perizia suppletiva e la variante ai lavori di rifunzionalizzazione dell’ex palazzina delle prigioni nell’area dell’ex Caserma Osoppo, destinata a diventare la sede delle associazioni cittadine, e il via libera ai lavori per il recupero e la valorizzazione del compendio dell’ex Caserma Duodo, sono stati approvati oggi dalla Giunta comunale di Udine.

Il primo intervento è stato varato nell’ambito del Progetto Experimental City. “Durante i lavori di demolizione della pavimentazione della palazzina che ospitava le vecchie prigioni – ha spiegato il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Loris Michelini – sono state rinvenute due vasche interrate che, fatte le necessarie verifiche relative alla presenza di materiali pericolosi e alla tenuta strutturale, si è deciso di eliminare”. L’intervento comporta un incremento dei costi di 36.913,63 euro, “tuttavia – ha precisato Michelini – non ci sarà una variazione del quadro economico complessivo, che resta di 500.000 euro”. Nessuna proroga per il termine dei lavori, previsto per il primo agosto. “L’intervento è un’ottima notizia per l’associazionismo udinese – ha commentato Michelini – che avrà una sede dedicata e sicura nell’ambito di un contenitore dalla dimensione fortemente sociale e aggregativa com’è destinata a diventare la Caserma Osoppo quando il progetto Experimental City sarà concluso”.

Accogliendo una delibera dell’assessore al Bilancio e Patrimonio Francesca Laudicina, la Giunta ha dato oggi il via libera anche ai lavori per la realizzazione del progetto di recupero e valorizzazione del compendio dell’ex Caserma Duodo, destinato a diventare “sede di scuole secondarie superiori e convittuale”. “Assieme alla Regione e all’Ente di Decentramento Regionale – ha spiegato Laudicina – abbiamo individuato nell’ex Caserma la soluzione più ragionevole e consona per accogliere i ragazzi dell’istituto scolastico Uccellis. Il complesso è stato assegnato al Comune ma versa in condizioni precarie e necessita di un profondo intervento di rifacimento. Potrebbero essere realizzate circa 30 aule nella palazzina, mentre l’ex convento potrebbe accogliere il convitto”. 

Articoli correlati

Poste italiane cerca portalettere

Poste Italiane ricerca in Friuli-Venezia Giulia portalettere da inserire con contratto a tempo determinato. Per candidarsi è sufficiente inserire, entro domenica 26 maggio, il proprio curriculum vitae sulla pagina web del…