Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
Chiesa

Addio a Claudio Malacarne

Già direttore dell’Ufficio Migrantes, era uno stretto collaboratore dell’Arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato. Avrebbe compiuto 70 anni il prossimo 23 ottobre e si è spento dopo una lunga malattia che ha vissuto sempre con coraggio e grande fede. I funerali si terranno lunedì 1° luglio alle 10 nella chiesa parrocchiale di Buttrio.

La Diocesi di Udine è in lutto per la scomparsa, giovedì 27 giugno, di Claudio Malacarne, già direttore dell’Ufficio Migrantes e stretto collaboratore dell’Arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato. Avrebbe compiuto 70 anni il prossimo 23 ottobre e si è spento dopo una lunga malattia che ha vissuto sempre con coraggio e grande fede come racconta chi lo conosceva bene. Finché le forze glielo hanno consentito ha continuato, con straordinaria dedizione, a mantenere la propria presenza negli uffici pastorali, non volendo far venir meno il suo prezioso contributo. «Se n’è andato uno dei laici cristiani più generosi e preparati che abbia incontrato» ha commentato con dispiacere il vicario generale dell’Arcidiocesi di Udine, mons. Guido Genero.

Luigi Papais, suo amico, collega di lavoro e collaboratore dell’Ufficio Migrantes, lo ricorda come «una persona mite e con grandi capacità. Era un professionista serio e preparato che non ha mai smesso di studiare e aggiornarsi. Ha lavorato come funzionario regionale – continua Papais – e la sua precisione è stata particolarmente apprezzata negli anni del terremoto in Friuli quando fu il responsabile dell’Ufficio legale e contenziosi».

Dopo la pensione l’impegno all’Ufficio Migrantes. «Assicurava la presenza e la vicinanza della Chiesa nei confronti dei numerosi immigrati cattolici che già vivevano in Friuli da tempo. Li aiutava anche a risolvere i problemi che ogni persona ha quando vive lontana dalla propria patria».

Malacarne nonostante la malattia che negli anni lo ha costretto a subire cure anche impegnative non ha mai smesso di prestare il suo aiuto e il suo supporto dove richiesto. «Non si è mai scoraggiato, viveva la malattia in silenzio e quando non poteva essere presente a qualche riunione si scusava. La fede lo ha aiutato molto».

Malacarne viveva a Buttrio, lascia la moglie e una figlia. I funerali saranno celebrati lunedì 1° luglio alle 10 nella parrocchiale di Buttrio, domenica sera, alle 20, ci sarà invece la recita del Santo Rosario.

Articoli correlati

Il nostro «sì» per tutta la vita

Raymond ha assaporato la gioia e l’entusiasmo dello spendersi per la Chiesa grazie al nonno catechista, in Ghana. Bernard, pure lui ghanese, ha lasciato un lavoro avviato in banca per seguire la vocazione. Insieme sono giunti…