Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
Chiesa

Don Enrico Trevisi è il nuovo vescovo di Trieste

«Cercheremo di camminare insieme senza lasciare indietro nessuno»

59 anni, lombardo, attualmente parroco a Cremona, nella parrocchia di Cristo Re, don Enrico Trevisi è il nuovo Vescovo di Trieste. Lo ha annunciato giovedì 2 febbraio lo stesso mons. Giampaolo Crepaldi, che lo scorso 29 settembre aveva rassegnato le sue dimissioni per raggiunti limiti di età. Nato ad Asola in provincia di Mantova, nel 1963 Dopo il dottorato in Teologia morale a Roma, Trevisi è stato ordinato sacerdote a Cremona il 20 giugno 1987; è membro del Consiglio presbiterale e del Collegio dei consultori e ha ricoperto incarichi di insegnamento a Mantova, Milano e Cremona.

«Chiedo a tutti una preghiera – ha affermato don Trevisi a Cremona, all’annuncio della nomina –. Vi chiedo di pregare per me e per la mia nuova Chiesa di Trieste, che io già amo come Chiesa con la quale camminerò – a Dio piacendo – per il resto della mia vita». E ai giuliani: «So che siete una città multireligiosa e multietnica con una consolidata tradizione di dialogo ecumenico, di rispetto e stima reciproci» (…) «insieme cercheremo di camminare, senza lasciare indietro nessuno: fin da adesso un ricordo speciale per gli ammalati, gli anziani, i disabili, i carcerati, i disoccupati, per tutti coloro che attraversano stagioni difficili della vita. E con il vivo desiderio che anche i giovani siano protagonisti delle nostre comunità. Fin da adesso la mia preghiera e benedizione per ogni famiglia. Nessuna esclusa. Tutte meravigliose per un riesprimere qualcosa dell’amore divino; e tutte fragili e bisognose di grazia. Ci aiuti il Signore a camminare insieme, a fare Sinodo non come un adempimento formale di riunioni ma nell’autentico stile evangelico, nell’esaltante gioia del riconoscere il Signore in mezzo a noi e di camminare dietro a Lui».

Articoli correlati

Il nostro «sì» per tutta la vita

Raymond ha assaporato la gioia e l’entusiasmo dello spendersi per la Chiesa grazie al nonno catechista, in Ghana. Bernard, pure lui ghanese, ha lasciato un lavoro avviato in banca per seguire la vocazione. Insieme sono giunti…