Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
L'editoriale

L’editoriale della settimana

di Luigi Gloazzo

Sempre con le vittime

Pubblicato su “la Vita Cattolica” nr. 9/2023

Gesù Cristo rifletteva sempre sui fatti che erano sotto gli occhi di tutti. Lui li vedeva con un altro sguardo liberato dagli schemi culturali, quello di Dio Padre verso i figli. Gli slogan di molti osservatori prezzolati e politici preferiscono deviare lo sguardo lontano, su chi specula sulle sofferenze dei migranti e li traghetta sulle rotte sempre più insicure del Mediterraneo. E gli Stati conniventi, dai cui lidi partono, si compiacciono nel liberarsi da ingombri o innalzano barriere insormontabili per non vedere cosa succede oltre i muri alla povera gente. In fondo, per loro, è preferibile scandalizzarsi e nascondersi dietro la denuncia degli interessati trafficanti di persone che posare lo sguardo sulle vittime. Sono certo che questo non è lo sguardo di Cristo!

La cronaca di questi giorni testimonia che molti hanno visto il barcone sfasciarsi sugli scogli a cento metri dalla terra ferma e persone alla deriva, ma hanno preso la decisione di non soccorrerle per via del vento e delle onde. Come se si dovesse prestare aiuto solo a certe condizioni: le nostre. E i morti sono stati oltre sessanta. Decine i dispersi.

Cosa si vede sullo scenario del mondo? Uno stato, quello ellenico, respinge con metodo inflessibile i migranti che arrivano sulle isole. Dalla Turchia partono le nuove rotte marine della disperazione e della speranza. L’Europa si è illusa di pagarla per trattenerli in casa! L’Italia fa finta che l’accoglienza sia arrivata a un punto di saturazione e preferisce scaricare il compito dell’accoglienza sull’Europa, fingendo di non sapere che tutti questi stanno accogliendo in numeri e proporzioni anche superiori a quelli italiani.

E poi si accusa la Caritas e la Chiesa di essere la causa di tutti i mali dell’immigrazione in quanto accoglie sempre e “invita” a partire. Si fa finta di non sapere che le migrazioni sono un fatto strutturale da quando esiste il mondo e, oggi, causato dalla sperequazione tra Paesi benestanti e impoveriti, dalle condizioni insostenibili della vita nel Sud del mondo.

E si potrebbe continuare ad elencare sia accuse che scuse, ma si continua a produrre e commerciare armi, provocare guerre, “operazioni militari” e conflitti “a bassa intensità” per controllare i beni necessari al mantenimento delle disuguaglianze e ingiustizie.

Dove mettersi, dunque, ad osservare quanto sta avvenendo sotto i nostri occhi?

Sempre dalla parte delle vittime, degli impoveriti, dei fratelli e sorelle che portano sui barconi i propri figli e tutte le loro fortune e speranze.

La quaresima è tempo di conversione e questa è un modo nuovo di vedere la realtà e di starci dentro. Un passo straordinario del Vangelo profetizza: “Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto” (Gv 19,37). Sono i poveri Cristi che portano sulle spalle e nel cuore la fatica di vivere.

Il fenomeno del migrare è presente in tutta la storia dell’umanità, dalla preistoria ai giorni d’oggi. La nostra terra friulana, da sempre terra di confini, è stata teatro di invasioni, transiti di popoli, migrazioni interne, emigrazioni che hanno arricchito tutti i continenti. Le migrazioni sono ricerca desolata di una terra promessa dove costruire la propria storia personale e familiare. Non raccontiamo più la nostra storia e nei libri scolastici preferiamo ribadire le gesta risorgimentali piuttosto che narrare la fatica e la speranza di tanti uomini, famiglie, intere generazioni che sono state ospitate in tutti i continenti della nostra terra.

Articoli correlati

Pentecoste digitale

La recente Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali, che la Chiesa ha celebrato lo scorso 12 maggio, ci offre l’opportunità di riflettere sull’obiettivo affidatole dal Concilio Vaticano II nel decreto Inter Mirifica:…

Mamma, oltre le parole

«Che cosa rappresenta la figura della mamma al giorno d’oggi?»: questo è il calibro della domanda che mi è stata rivolta. Provo quindi a prendermi la responsabilità, non senza percepirne la complessità, di dare una forma…