Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
L'editoriale

L’editoriale della settimana

di

Stefano Comand

Tutti siamo missionari
Pubblicato su “la Vita Cattolica” nr. 38/2023

La Chiesa dedica un intero mese al tema della missionarietà perché questa è proprio la principale “missione” della Chiesa. Il vangelo di Matteo si conclude infatti con questa ultima esortazione di Gesù: “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. (Matteo 28:19-20)

La missione non ha dunque confini, parte dalla porta di casa nostra per arrivare ovunque ci è dato di andare e coinvolge tutti i cristiani. Non è un compito affidato solo a degli “specialisti”, ai missionari che hanno lasciato la loro terra per portare il messaggio in luoghi e culture lontani. Tutti noi siamo missionari quando viviamo la nostra fede nei luoghi della nostra quotidianità: la famiglia, i luoghi di lavoro, la comunità.

La nostra testimonianza passa non solo nella parola, ma nel nostro impegno, nella nostra attenzione per gli altri, in quel “I care” (ho a cuore) che diventò il segno distintivo di don Lorenzo Milani di cui ricorre il centenario della nascita.

La missionarietà è anche l’origine dell’universalità della Chiesa che attraverso la storia si è diffusa in ogni parte del mondo e ci richiama ad una attenzione per l’altro che non conosce confini geografici. Ci regala la consapevolezza di essere veramente tutti figli dello stesso Dio Padre, legati ad un destino comune e ad una unica fratellanza come ben evidenziato nell’ultima enciclica di papa Francesco “Fratelli tutti”.

È quindi importante che ogni comunità cristiana possa vivere una relazione con un’altra comunità dall’altra parte del mondo perché ciò aiuta a mantenere questa consapevolezza, a fare nostre le difficoltà degli altri, a condividere, a prendere coscienza delle palesi ingiustizie tra il mondo opulento e quello in miseria delle periferie della Terra ma anche a gioire della relazione, dello scambio tra diverse culture, dei doni reciproci.

Questa relazione ci arricchisce e ci fa crescere soprattutto se è tra pari, se improntata su uno scambio reciproco. Il rischio di stabilire una relazione sbilanciata tra chi ha mezzi economici e chi non li ha è alto. Ma la relazione passa non tanto attraverso questi mezzi, sicuramente utili per realizzare dei progetti condivisi, quanto attraverso dei beni spirituali e culturali meno tangibili, ma molto più fondanti.

Ciò è evidente quando si parla con molte persone che hanno fatto delle esperienze di volontariato, anche brevi, presso Chiese sorelle e popoli impoveriti. La frase che ci si sente ripetere è questa: “Credevo di andare a salvare il mondo e invece ho scoperto che ho ricevuto molto di più di quanto abbia dato”.

La consacrazione di tre nuovi diaconi della Chiesa Udinese, uno togolese e due ghanesi, che rimarranno al servizio della nostra diocesi è emblematica di questo scambio di doni che, in quanto scambio, non è mai unidirezionale. Sarebbe bello e opportuno sapere di più delle loro comunità di origine perché, attraverso loro, si instaurino relazioni vive e durature tra la nostra Chiesa e quelle di loro provenienza. Le comunità dove questi diaconi presteranno il loro servizio pastorale sono chiamate a concretizzare questo scambio di conoscenza e di doni.

La nostra diocesi ha attivi dei gemellaggi con le diocesi di San Martín in Argentina, Emdibir in Etiopia, di Atene in Grecia quale segno dell’attenzione per l’universalità della Chiesa.

Buona missione a tutti!

Articoli correlati

Timoniere di Dio

L’immagine popolare della Chiesa come una barca mi sembra la più adatta per descrivere quello che stiamo vivendo come evento storico nella nostra Diocesi udinese. Un pastore per una Chiesa locale è come il “timoniere” che…

Digiuno e social media

Mercoledì 14, celebrando con tutta la Chiesa il rito penitenziale delle ceneri, siamo entrati nel tempo “forte” della Quaresima, un tempo che, come abbiamo ascoltato nella seconda lettura di quella liturgia, è il tempo…

Dare senso al dolore

di don Michele Lacovig La giornata mondiale del malato ricorre nel medesimo giorno dell’anniversario delle apparizioni della Madonna a Lourdes, meta di pellegrinaggio per molte persone malate. Essa fu indetta, nel 1993, da…