Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
Chiesa

Preghiera per la scuola nelle parrocchie

Domenica 18 nella celebrazione della S. Messa. In diverse comunità si è già svolta anche la “benedizione degli zainetti” ()

Lunedì 12 settembre è iniziato ufficialmente il nuovo anno scolastico nelle scuole del Friuli-Venezia Giulia e in tante parrocchie domenica 18 si pregherà proprio per farsi vicini alle tante persone coinvolte nell’esperienza scolastica: non solo bambini, ragazzi e giovani, ma anche genitori, insegnanti, dirigenti, personale ausiliario. La proposta è dell’Ufficio scolastico diocesano, che invita ad animare con questa specifica intenzione le celebrazioni eucaristiche del 18 settembre.

«È importante – afferma don Giancarlo Brianti, direttore dell’Ufficio scolastico diocesano, in una lettera rivolta ai parroci del clero udinese – che le comunità abbiano a cuore la crescita e l’educazione delle giovani generazioni. Nella scuola – prosegue – si cresce, ci si incontra, si sviluppano cultura affetti, solidarietà, conoscenza reciproca. Si sperimentano la vita di comunità, il senso civico. La scuola è un potenziale educativo e formativo da riconoscere e far crescere con la presenza e l’impegno dei cristiani delle nostre comunità.»

Da qui l’invito a ricordare nelle celebrazioni eucaristiche di domenica 18 settembre l’inizio dell’anno scolastico secondo la proposta sotto riportata. Per l’animazione della S. Messa (letture, preghiera dei fedeli, …) l’ufficio scolastico invita a coinvolgere alcune persone della comunità che vivono l’esperienza scolastica (dirigenti scolastici, insegnanti, e in primo luogo gli insegnanti di religione, alunni, genitori, personale ausiliario).

In alcune parrocchie si usa inaugurare l’anno scolastico con la “benedizione degli zainetti”. «Mi pare una bella iniziativa», afferma infine don Brianti.

Articoli correlati

Il nostro «sì» per tutta la vita

Raymond ha assaporato la gioia e l’entusiasmo dello spendersi per la Chiesa grazie al nonno catechista, in Ghana. Bernard, pure lui ghanese, ha lasciato un lavoro avviato in banca per seguire la vocazione. Insieme sono giunti…