Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
AmbienteFriuli Collinare

Torrente Cormor, quasi 350 mila euro per la messa in sicurezza

Un finanziamento regionale di 344mila euro è stato assegnato dall’assessorato Difesa dell’ambiente, energia e sviluppo sostenibile – Servizio difesa del suolo al Consorzio di bonifica pianura friulana per la progettazione e la realizzazione di interventi di messa in sicurezza idraulica e protezione dell’argine del torrente Cormor. Gli interventi erano stati richiesti dai sindaci e da alcuni consiglieri regionali del territorio, che avevano avuto come referente il consigliere regionale Moreno Lirutti, preoccupati per i rischi idraulici che potevano derivare dalla esondazioni del torrente Cormor. Da qui, pertanto, la richiesta di affidare al Consorzio un primo finanziamento destinato a mitigare la pericolosità del torrente e prevenire allagamenti con danni a persone e a cose.

Il sopralluogo

Il sopralluogo organizzato dal Consorzio e dal consigliere Lirutti, avvenuto nei giorni scorsi con i sindaci di Pagnacco, Tavagnacco e Tricesimo lungo il torrente in località Vanelis, al confine tra i comuni di Pagnacco e Tavagnacco, è servito ad evidenziare le maggiori criticità e a rappresentare ai tecnici consortili le aree che maggiormente necessitano di primi interventi. Oltre ai sindaci hanno partecipato i componenti delle giunte e i volontari delle squadre di Protezione civile dei comuni interessati.

I punti critici

«Sono stati condivisi gli interventi ritenuti prioritari per la messa in sicurezza di alcune tratte del Cormor, in particolare in corrispondenza del guado in località Vanelis e nei pressi del ponte lungo via dei Brazzà – riferisce il direttore tecnico del Consorzio, Stefano Bongiovanni -. Prevista anche la manutenzione di alcune tratte del torrente per ripristinare l’officiosità idraulica. E’ stata segnalata, inoltre, in particolare dal comune di Tricesimo, la necessità di ulteriori interventi, che potranno trovare copertura in occasione di prossimi finanziamenti, auspicabilmente già in sede di assestamento di bilancio».

«Oltre ai consiglieri regionali e ai sindaci che si sono impegnati per assicurare il finanziamento per mitigare il rischi idraulico derivante dal torrente Cormor – sottolinea la presidente del Consorzio, Rosanna Clocchiatti – ringrazio l’assessore regionale alla Difesa dell’ambiente, energia e sviluppo sostenibile, Fabio Scoccimarro, per la sensibilità e l’attenzione che dimostra per le esigenze del territorio, e per il finanziamento di opere che concorrono a questo obiettivo. Il Consorzio, come sempre in queste occasioni, impegna la sua struttura per impiegare nella maniera più efficace e tempestiva le risorse regionali che gli sono state affidate per finalità così importanti».

«Ringrazio i sindaci e la presidente del Consorzio con i rispettivi tecnici – aggiunge il consigliere Moreno Lirutti – e garantisco l’attenzione della Regione nei confronti di quest’area, sia sotto il profilo della sicurezza e delle tutela dell’ambiente (anche alla luce dei recenti eventi climatici), sia della fruibilità per i numerosi ciclisti e mezzi agricoli che la percorrono».

I presenti al sopralluogo

Articoli correlati

In Friuli qualità dell’aria buona

In Friuli respiriamo una buona aria. Non ottima (certo, in alta montagna e talvolta pure al mare sì). Ma nel complesso sostanzialmente rispettosa dei limiti di legge. Lo certifica l’Arpa, l’Agenzia per l’ambiente, nel…