Abbonati subito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie
Chiesa

Un nuovo diacono per la Chiesa friulana

L’ordinazione domenica 30 giugno in Cattedrale a Udine. Si tratta di Domenico Chiapolino: udinese, sessant’anni, di Udine. Infermiere da poco in pensione, è sposato, ha due figli, Chiara e Francesco, e una nipotina, Ludovica, di 5 anni.

Chiesa udinese in festa domenica 30 giugno, in Cattedrale a Udine, alle ore 19, l’arcivescovo mons. Andrea Bruno Mazzocato presiederà infatti l’ordinazione di un nuovo diacono permanente (la celebrazione sarà trasmessa in diretta sulle frequenze di Radio Spazio). Si tratta di Domenico Chiapolino: udinese, sessant’anni, ha maturato la sua fede prima nella parrocchia di San Quirino, con mons. Luciano Nobile, ora in quella di San Marco, con don Carlo Gervasi. Infermiere da poco in pensione, Domenico Chiapolino è sposato, ha due figli, Chiara e Francesco, e una nipotina, Ludovica, di 5 anni.

Il diacono permanente nella Chiesa è «per il servizio» e la sua figura è strettamente legata al vescovo: questi, infatti, impone le mani e trasmette il dono dello Spirito all’eletto durante la liturgia dell’ordinazione. Ad immagine di Cristo, «servo» dell’umanità, il diacono è chiamato a esercitare in primo luogo il servizio della carità nelle infinite forme che la vita odierna domanda e suggerisce (nel mondo del lavoro, della scuola, negli ospedali, nelle carceri), ma anche il servizio della liturgia assistendo il Vescovo e i presbiteri durante le celebrazioni e quello dell’annuncio evangelico in tutte le sue modalità.

I diaconi permanenti, che non sono preti, non possono presiedere l’Eucaristia, tuttavia possono amministrare il battesimo, distribuire la comunione, benedire il matrimonio cristiano, proclamare il Vangelo e predicare oltre che presiedere le esequie. Possono essere ordinati tra i battezzati celibi e anche tra coloro che sono sposati.

Articoli correlati

Il nostro «sì» per tutta la vita

Raymond ha assaporato la gioia e l’entusiasmo dello spendersi per la Chiesa grazie al nonno catechista, in Ghana. Bernard, pure lui ghanese, ha lasciato un lavoro avviato in banca per seguire la vocazione. Insieme sono giunti…